Compressore aria ad olio: per chi cerca maggiori prestazioni

compressore aria ad olioMeglio un compressore aria ad olio o uno senza olio?
Questo è uno dei quesiti che spesso si chiede chi si appresta a comprare un compressore.
La scelta non è così semplice perché entrambi i prodotti offrono dei vantaggi che destano un certo interesse. E per aiutarti nella scelta in questo articolo vedremo la differenza tra un compressore ad olio (detti anche lubrificati) e un compressore oilless. Inoltre, avrai pure modo di scoprire i migliori modelli lubrificati scelti da noi in base al rapporto qualità prezzo (ma questo solo alla fine dell’articolo).

 

 

Compressore ad olio o senza?

La differenza lampante è che i compressori lubrificati necessitano dell’olio a differenza degli autolubrificati che ne fanno volentieri a meno. Però cambiano le prestazioni.
Usi spesso il compressore? Lo usi o lo userai per lavori continuativi che metteranno a dura prova il motore?
Se compri un compressore senza olio preparati a vivere momenti “imbarazzanti” e momenti in cui rimpiangerai di non aver acquistato un compressore aria ad olio. Quest’ultimi proprio grazie alla presenza dell’olio garantiscono prestazioni superiori e l’uso anche nei lavori più impegnativi. E tra l’altro sono anche più silenziosi.
E gli svantaggi nell’utilizzo di un compressore ad olio quali sono?
Gli svantaggi sono le possibili perdite di olio durante la lavorazione e l’aria che può essere inquinata dallo stesso olio. Vanta anche una maggiore manutenzione che comunque consiste semplicemente nell’aggiunta dell’olio.

 

Compressore lubrificato: accorgimenti nella verniciatura!

Hai intenzione di utilizzare un compressore aria ad olio per verniciare?
Allora ti informiamo che bisogna prendere in considerazione anche l’acquisto di un filtro purificatore che avrà il compito di togliere la condensa. Se infatti non si metterà tale filtro, la compressione dell’aria si scalderebbe e dopo raffreddandosi si trasformerebbe in acqua.
Dove va posizionato il filtro?
Il filtro va posizionato tra l’ugello e il tubo del compressore.
Naturalmente ci sono anche altre caratteristiche da valutare per la verniciatura, ma questo non è diciamo l’articolo dove parlarne (perché potresti anche non esserne interessato, giustamente). Nel caso però tu voglia saperne di più, ti invitiamo alla lettura dell’articolo “compressore per verniciatura”.

 

Compressore 24 litri lubrificato: l’importanza del serbatoio

Perché è importante il serbatoio?
Perché con un serbatoio più grande l’aria si esaurirà in minor tempo (anche se questo parametro è strettamente legato sia alla pressione che alla portata). Significa quindi che potrai eseguire i tuoi lavori in modo continuativo senza interruzioni aspettando che l’aria, una volta esaurita, venga ricaricata nel serbatoio.
Un compressore ad aria da 24 litri di certo già garantisce una capacità ideale per lavori più impegnativi, sempre in ambito hobbistico. E se sei interessato all’acquisto di un compressore da 24 litri lubrificato ti consigliamo di dare un’occhiata a questi prezzi.

Come già preannunciato all’inizio di questo articolo, adesso è il momento di mostrarti i migliori tre compressori ad olio scelti in base al rapporto qualità prezzo. Verifica cliccando su “Scopri l’offerta” se le relative offerte sono ancora attive oppure no.

 

Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2018 7:33