Compressore per verniciare: ti aiutiamo a scegliere quello giusto

compressore per verniciareHai bisogno di verniciare la portiera dell’auto, una porta o magari tutte le pareti di casa?
Necessiti di un compressore per verniciare oltre che dell’accessorio principe, ovvero la pistola.
Come si fa a scegliere un compressore idoneo per pitturare?
In questo ti aiuteremo noi. E con un po’ di pazienza avrai pure modo di scoprire quali sono, a nostro avviso, i migliori modelli che sanno offrire qualità e risparmio.
Attenzione: in questo articolo trattiamo solo i compressori per verniciare e non i compressori per areografo ( nonostante possa sembrare che si stia parlando dello stesso argomento, così non è perché la scelta è differente).

 

Sistema di verniciatura a spruzzo o compressore per verniciare a spruzzo?

Prima di analizzare bene alcune caratteristiche come la capienza del serbatoio o la portata d’aria, bisogna innanzitutto capire se il compressore è davvero ciò di cui abbiamo bisogno, visto che in commercio vi sono anche i sistemi di verniciatura.
Qual è la differenza tra un compressore per verniciare e un sistema di verniciatura? 
I sistemi di verniciatura sono dotati già di pistola a spruzzo e compressore. Questi prodotti sono ideali solo ed esclusivamente per pitturare. Di certo hanno il vantaggio di offrire tutto ciò che ti serve in un unico prodotto.
I compressori ad aria invece il più delle volte non hanno gli accessori (se non quelli basici per gonfiare) quindi la pistola a spruzzo dovrai comprarla da te. Ma hanno un vantaggio in più a dispetto dei prodotti precedenti, ovvero possono essere utilizzati per più scopi. Potrai gonfiare le ruote dell’auto, della bici o altri oggetti gonfiabili, potrai districarti in operazioni di pulizia, collegare utensili pneumatici come i trapani, le smerigliatrici, eccetera.
Da tale descrizione consegue una primissima scelta che potrai effettuare semplicemente rispondendo a questa domanda:
Hai bisogno di un prodotto utile solo per verniciare? Non hai interesse a fare altri lavori? 
Se la risposta è sì, potrai già orientarti nella scelta di un sistema di verniciatura [qui potrai trovare diversi modelli] se però la risposta è no o hai ancora dei dubbi meglio continuare nella lettura di questo articolo. Una cosa però è certa, per un uso professionale noi consigliamo di affidarsi solo ai compressori.

 

Quale compressore per verniciare?

Dopo aver capito di cosa hai davvero bisogno o anche nel caso tu avessi ancora dei dubbi, questo paragrafo ti aiuterà a comprendere quali caratteristiche imprescindibili deve avere il compressore per verniciare. E ti daremo anche dei consigli su alcuni modelli, di cui potrai leggere pure le recensioni.

Quanto deve essere grande il serbatoio del compressore?

Dobbiamo distinguere due diversi utilizzi: professionale e hobbistico.
Per un utilizzo hobbistico non devi scendere al di sotto dei 24 litri, anzi non sarebbe nemmeno male scegliere un modello con serbatoio da 50 litri.
Naturalmente però scegliendo un compressore da 24 litri devi già mettere in preventivo che l’aria terminerà prima, invece con un serbatoio da 50 litri sarai costretto a meno pause. Ciò ovviamente dipende pure dal tipo di lavoro che stai facendo. Se devi solo pitturare il parafango dell’auto un serbatoio da 24 litri è sufficiente a patto che non ti dia fastidio la “calma” e l’oculatezza con cui dovrai lavorare (proprio perché l’aia termina prima essendo un serbatoio più piccolo). Se devi pitturare casa non c’è gara, meglio uno da 50 litri.
Il nostro giudizio finale?
Noi consigliamo i compressori da 50 litri, ma è anche vero che quest’ultimi costano di più (a livello hobbistico è possibile optare per modelli più economici, come Einhell te ac 270 50 10) e sono più ingombranti . Quindi in base a questi due fattori non sempre sono “ben voluti”.
Se si opta per un modello da 24 litri per questioni di spazio, trasportabilità e prezzo, bisogna almeno puntare su un prodotto di indiscussa qualità, come Abac Pole Position L20.

Qual è la portata d’aria ideale?

Se per quanto riguarda la pressione massima va bene anche un compressore da 8 bar, sulla portata bisogna essere parecchio pignoli. Per eseguire i lavori di verniciatura è essenziale che la portata (ovvero l’aria erogata dal compressore) non sia inferiore ai 220 l/min. O comunque non bisogna scendere sotto i 200 l/min, se no significherebbe buttare i propri risparmi in acquisti non idonei all’uso che vorresti farne.

Pistola per verniciare: quale scegliere?

Prima di tutto consigliamo l’acquisto di pistole professionali.
Altra cosa molto importante: la pistola deve avere la stessa portata (semmai inferiore) che ha il compressore. Quindi se hai acquistato un compressore con portata da 220 l/min la pistola deve avere la stessa portata o al massimo meno. Quindi vale lo stesso suggerimento di prima: la portata non deve essere inferiore ai 200 l/min.
Altre caratteristiche da attenzionare: la portata regolabile e la modalità di pittura. La prima è importante in modo da poter lavorare con la giusta portata in base al lavoro che stai eseguendo. Il secondo fattore è importante, invece, per regolare la forma dello spruzzo.
Vuoi già scoprire i prezzi di alcune pistole per verniciare? Clicca qui e scopri le offerte più convenienti.

 

Compressore per pitturare: i migliori modelli

Dopo aver letto i consigli per una scelta saggia di un buon compressore per verniciare, non ci resta che invitati alla scoperta dei tre migliori modelli che abbiamo personalmente scelto. Tali compressori naturalmente hanno le caratteristiche ideali per garantirti un’adeguata verniciatura (due di questi li abbiamo già “citati” in precedenza).

E grazie alle offerte in basso (se ancora valide) i 3 migliori compressori per verniciare sono ancora più “appetibili”..

 

Ultimo aggiornamento: 20 agosto 2018 23:24